Grotte piange il grande “Artista della felicità”

|




E’ morto improvvisamente, ieri sera, a soli 44 anni, Rino Arnone, il fotografo-cameraman che ha raccontato con le sue immagini le storie d’amore di diverse generazioni e le tradizioni più significative del paese

Rino ArnoneRino Arnone ha raccontato soprattutto la felicità. L’obiettivo della sua macchina fotografica e della sua telecamera ha, infatti, quasi sempre catturato i momenti felici della vita, regalando stupende immagini dove potevi  subito cogliere l’intensità di una emozione, la bellezza di un sorriso, le diverse sfumature della gioia: quella di un bambino che posa a scuola assieme ai suoi compagni e alle sue maestre; quella di una coppia di innamorati che raggiunge il tanto desiderato traguardo del matrimonio; quella di due giovani sposi che diventano genitori; quella di un intero paese nei giorni di festa.

Per noi non ci sono dubbi, se volessimo trovare una definizione per sintetizzare il suo appassionato lavoro di fotografo e di camaramen potremmo solo dire che Rino Arnone è stato un vero grande “Artista della felicità”. Purtoppo, è stato, perché Rino, a soli 44 anni, nel cuore della notte ci ha lasciati. Rubato alla vita, che tanto amava, da uno shock anafilattico. Grotte oggi è un paese impietrito dal dolore. E non potrebbe essere diversamente, Rino era conosciutissimo,  amato e apprezzato da tutti. Con lui non  se ne va solo il grande “artista della felicità”, ma anche l’uomo che ha saputo meravigliosamente raccontare  attraverso le sue immagini gli ultimi trent’anni di storia  del suo paese. Se ne va soprattuto una grande persona perbene, seria, garbata, educatissima, nel cui cuore convivevano in perfetta simbiosi l’amore per la famiglia e per il lavoro. Addio Rino, grazie per tutto quello che hai fatto. Grotte te ne sarà sempre grata.

Egidio Terrana

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *