Grotte, grande festa per il Treno Storico

|




Giunto alla stazione ferroviaria alle 10.30, è stato accolto dall’Amministrazione comunale, dal Grippo folkloristico Herbessus e da centiania di cittadini. 

Il Treno Storico alla stazione di Grotte

Grande festa ieri alla Stazione ferroviaria di Grotte per l’arrivo del Treno storico delle “dolcezze di convento e dei pani votivi” Partito alle 9.15 dalla stazione di Licata il treno è arrivato a Grotte alle 10.30. Ad accogliere i passeggeri l’Amministrazione comunale e il Gruppo Folkloristico Herbessus.

Il sindaco Alfonso Provvidenza, durante la sosta, ha consegnato a Pietro Fattori, referente dell’Ufficio  Stampa della Fondazione FS una targa da far pervenire all’Ingegnere Luigi Cantamessa, Direttore della Fondazione.

“La fermata del “Treno delle dolcezze di convento e dei pani sacri a Grotte – commenta il sindaco Provvidenza – costituisce un momento suggestivo ed originale per il nostro Paese; fare parte del programma di treni storici e turistici che stanno percorrendo le linee ferroviarie più affascinanti e panoramiche della Sicilia, organizzato dalla Fondazione FS Italiane e dalla Regione Sicilia, rappresenta, infatti, un importante momento di crescita culturale e turistica”.

“L’utilizzo di fondi comunitari – aggiunge il sindaco di Grotte – per l’affermazione della filosofia del turismo “slow” e della valorizzazione della gastronomia dell’isola con l’abbinamento del treno storico è un punto chiave per lo sviluppo del nostro territorio. Come già rappresentato dal Vice Sindaco e Assessore alla Cultura Anna Todaro, il prossimo anno arricchiremo il programma con la presenza terra di piatti e prelibatezze della cucina grottese”.

“Una lodevole iniziativa – dice Anna Todaro – portata avanti dalla fondazione FS e la Regione Sicilia e abbracciata dalla nostra amministrazione comunale. Grazie per aver pensato che a Grotte potesse fare sosta il treno storico. Il nostro paese si colloca  in una posizione geografica strategica nella provincia di Agrigento, e nella visione più grande, a livello regionale desideriamo possa essere una cittadina di importante rilevanza. Oggi più che mai, abbiamo necessità di ripopolare il nostro paese puntando su tutto ciò che può aiutarci a realizzare questo obiettivo. Un grazie di cuore al Dott. Pietro Fattori, referente dell’Ufficio Stampa della Fondazione FS, per avere agevolato la fermata del treno nella nostra stazione, consentendoci di vivere un momento di festa molto particolare che ha coinvolto molti cittadini del paese”.

Lasciata la stazione di Grotte, il treno storico ha proseguito la sua corsa facendo tappa a Comitini, Aragona Caldare, Agrigento Bassa, da dove, lungo la ferrovia dei Templi, si è fermato al Tempio di Vulcano, dove c’è stata una degustazione a cura della condotta Slow Food di Agrigento, al Giardino della Kolymbetra” e a Porto Empedocle per visitare l’ottocentesca stazione ferroviaria. Alle 17.30 il treno ha fatto ritorno a Licata

GUARDA LE FOTO 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *