“Gli alberi sono proprio come i bambini. Bisogna prendersene cura”

|




Grotte. La Festa dell’Albero raccontata dagli alunni del “Roncalli”.

Anche il “Roncalli” di Grotte ha celebrato la festa dell’albero, iniziativa proposta da Legambiente volta a “promuovere l’importanza del verde per contrastare l’inquinamento dell’aria, prevenire il rischio idrogeologico e la perdita di biodiversità”.

Una giornata di festa tutta “Green”, trascorsa all’aperto per assistere e partecipare ad una lezione di educazione ambientale interamente dedicata agli alberi, allo loro importanza, al loro ruolo nell’ecosistema. Il tema proposto per il 2017, incarnato dal motto “Il futuro non si brucia!”, ha dato ampi spazi di riflessione.

La nostra provincia la scorsa estate è stata oggetto di brutte pagine di cronaca che hanno puntualmente documentato incendi a volte dolosi.

“La festa dell’albero– scrive Serena- è proprio una bella festa. Insieme a tutte le altre classi del plesso Sciascia siamo andati nel cortile della scuola. Lì, la maestra Margherita ci ha parlato dell’albero, delle parti che lo compongono, del suo ciclo vitale, ma soprattutto della sua importanza e di quanto possa essere prezioso per la vita dell’uomo e degli animali”.

“Non ci avevo mai pensato – scrive GinevraMa gli alberi sono davvero così importanti? Credo proprio di sì. Certo, ci danno così tante cose! E noi cosa facciamo per loro?”

“Gli alberi- racconta Carmelo– vanno curati. Sono proprio come i bambini. Bisogna prendersene cura, avere per loro grande rispetto se vogliamo che crescano forti e sani. Solo allora potranno ripagarci per il nostro impegno”.

E a proposito di cure anche al “Roncalli”, nei due plessi della scuola primaria, come ormai vuole la tradizione, alcune piantine sono state messe amorevolmente a dimora. Sotto gli occhi di tutti, i vasi di terracotta sono stati riempiti di terriccio e piccole piante sono state invasate.

“Il signor Miceli – dice Luigi- ha riempito i vasi di terra e piantato dei piccolissimi pini e ginestre. Quanto mi sarebbe piaciuto essere al loro posto. Quanto sarebbe stato bello essere un piccolo albero. In questo modo sarei stato d’aiuto anch’io alla nostra terra”.

E Luca conclude: “Sapete che prima di adesso non avevo capito quanto fossero importanti questi alberi? Anche se c’era freddo, questa lezione di educazione ambientale è stata veramente interessante”.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *