Gildo Moncada, “Il partigiano bambino”

|




Oggi ad Agrigento al Centro Culturale “Pasolini” la presentazione del libro di Raimondo Moncada.

Gildo Moncada

Dopo l’Emilia Romagna, la Sicilia. Ancora presentazioni per Il partigiano bambino – la storia di Gildo Moncada, a Licata e Agrigento, due tra i luoghi simbolo di cui si parla nell’ultimo libro di Raimondo Moncada, dedicato al padre e alla sua famiglia “deportata dalla guerra”.

L’opera, uscita per i tipi di Ad Est Edizioni, ricostruisce la vita di Gildo Moncada, partigiano, grafico, pittore, dal secondo conflitto mondiale quando diede il proprio contributo al movimento di Liberazione nella brigata partigiana “Leoni” fino all’ultimo periodo che dedicò all’arte.

Ieri la presentazione a Licata, in una gremita sala “Rosa Balistreri”, in una iniziativa organizzata dall’associazione culturale “Musamusìa”, col patrocinio del Comune di Licata. Oggi la volta di Agrigento, città natale di Raimondo Moncada e del padre.

La presentazione del libro a Licata

Ad Agrigento, il libro Il partigiano bambino si presenta alle ore 17, al Centro Culturale “Pier Paolo Pasolini” in Via Atenea n. 123, sede dell’ultima mostra di pittura e grafica di Gildo Moncada. Ad organizzare l’incontro è il comitato territoriale Arci di Agrigento, in collaborazione con l’Anpi e lo stesso centro “Pasolini”.

Saranno presenti l’autore e l’editore di Ad Est Gaetano Alessi. Interverranno il presidente provinciale dell’Arci Manlio Fiore, il presidente provinciale dell’Anpi Angelo Lauricella e il presidente del “Pasolini” Maurizio Masone. Moderatore sarà il giornalista Gero Miccichè.

“Il libro – scrive Raimondo Moncada nella presentazione al libro  – è un debito, un atto di riconoscenza e di risarcimento, un omaggio nei confronti di un uomo, mio padre, che per tutta la vita ha inseguito un sogno, poi mutilato dal destino. Così come è stata mutilata la sua giovinezza”.

È un omaggio al 25 Aprile e a quanti hanno combattuto, piccoli e grandi eroi, per il sogno di una Patria democratica, libera da dittature e sopraffazioni.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *