Elezioni. A Licata, Ravanusa e Castrofilippo è andata così

|




A Licata il nuovo sindaco è Pino Galanti, a Castrofilippo Franco Badalamenti. A Ravanusa riconferma per l’uscente Carmelo D’Angelo.

 

 

 

Pino Galanti

Pino Galanti è il nuovo sindaco di Licata. Il candidato di quattro liste civiche e di Forza Itala, vicino alle posizioni del deputato regionale Carmelo Pullara, è stato eletto al primo turno con il 55 per cento delle preferenze. Ha superato abbondantemente, dunque, la soglia del 40 per cento necessaria per diventare primo cittadino. Che Galanti fosse in vantaggio si era compreso sin dall’inizio. La festa nel comitato elettorale di Galanti è iniziata intorno alle 4.30 del mattino.  A seguire, sono  arrivati i candidati Annalisa Tardino, Annalisa Cianchetti e Gianluca Mantia.

Franco Badalamenti

A Castrofilippo il nuovo sindaco è Franco Badalamenti, sostenuto dalla lista civica “SiAmo Castrofilippo”. Ha riportato 817 voti (47,83%), superando Riccardo Serravillo, vice sindaco uscente, appoggiato dalla lista “Insieme per Castrofilippo”, che  dopo un lungo testa a testa si è fermato a 547 preferenze, il 32,03%. Fuori dai giochi Antonio Sferrazza, in corsa con “Libera-mente”, con 344 preferenze, il 20,14%.

Carmelo D’Angelo

A Ravanusa Carmelo D’Angelo riconferma il suo mandato, con 3093 voti (49%), alla guida della città. D’Angelo sostenuto dalla lista civica “Andiamo Avanti” ha superato Giuseppe Sortino, appoggiato da “Ravanusa#valorecomune” con il quale c’è stato un lungo testa e testa e che alla fine ha ottenuto 2377 consensi, il 37%. Lillo Massimiliano Musso, in corsa con la lista “Ravanusa Civile e Moderna con Musso Sindaco”,  ha avuto 651 voti (il 10%) e Renato Speciale del M5S, fermo a 250, il 4%.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *