Elezioni, Enzo Sardo brucia le tappe

|




In anteprima su Malgrado tutto il simbolo della sua lista: RACALMUTO DOMANI

Il simbolo della lista Racalmuto domani

Il simbolo della lista Racalmuto domani

Inizia ad entrare nel vivo la campagna elettorale per le prossime amministrative dopo un letargo della politica durato quasi tre anni. Sono infatti passati ben 33 mesi da quando, a seguito delle dimissioni dell’ex Sindaco Petrotto, si avviò la lunga fase del commissariamento. Da diversi giorni numerosi esponenti politici girovagano in lungo e largo per il paese per la raccolta delle firme necessarie alla presentazione di liste e candidature.

Pare che il movimento che appoggia l’ex Sindaco Enzo Sardo, seppur discretamente, abbia ormai completato la squadra di consiglieri ed assessori di cui farà certamente parte Lillo Alaimo Di Loro, già esponente di Sel, quale Vicesindaco con le deleghe alle attività produttive, al lavoro ed all’agricoltura; tra le donne candidate in consiglio certa la presenza di Selene Arnone e Linda Curto.

Il movimento di Enzo Sardo brucia intanto tutti gli altri candidati con la scelta di affidare al nostro giornale la pubblicazione in anteprima del simbolo elettorale; nei prossimi giorni la prima uscita pubblica con la presentazione di candidati e programmi.

Intanto, ieri sera secondo incontro degli esponenti di partiti e movimenti che sostengono la candidatura di Emilio Messana che sembra abbiano raggiunto un’intesa su un punto certamente non secondario rappresentato dalla possibilità, per il candidato sindaco del PD, di scegliere liberamente gli assessori tra personalità competenti e di alto profilo. Si è discusso altresì dei criteri per la formazione della lista per il consiglio comunale ma si è ancora lontani dal trovare una soluzione: troppo appetiti e pochi posti. Altro scoglio da superare la decisione o meno di ripresentare consiglieri o assessori uscenti.

E su questo tema si è registrata oggi la presa di posizione dell’area renziana del partito attraverso la nota del componente del direttivo del Pd, Giuseppe Guagliano, che abbiamo già pubblicato.

Acque calme invece in Piazza Umberto I, dove si riuniscono oggi ancora una volta i sostenitori di Carmelo Borsellino che non lasciano ancora trapelare alcuna indiscrezione anche se sembra ormai consolidata la scelta di correre da soli. Stessa riservatezza avvolge i cinque stelle mentre invece i supporter di Biagio Adile sono alle prese anche loro con numeri e candidature. Non sembrano ancora delinearsi in modo chiaro le scelte di Giuseppe Brucculeri.

Altri articoli della stessa

2 Responses to Elezioni, Enzo Sardo brucia le tappe

  1. Giuseppe Guagliano Rispondi

    5 aprile 2014 a 22:20

    Chiedo, da cittadino, al candidato sindaco Sardo un ulteriore piccolo sforzo a fornire qualche altro nominativo sia della giunta che del Consiglio, dopotutto mancano pochi giorni alla presentazione della liste.
    Perchè non brucia le tappe parlando di alcuni argomenti quali:
    -Una valutazione da aspirante Sindaco sull’operato della Commissione Straordinaria in questi due anni e sulla situazione strutturale (finanziaria, e del personale) del comune che si apprestano a consegnarci.
    -Come intende in concreto affrontare il problema dei precari.
    -Se pensa di poter intraprendere azioni forti( anche di denuncia) nei confronti dell’ato rifiuti e idrico per il ritorno alla gestione diretta del servizio.
    -Se intende candidare nelle sue liste ex assessori e consiglieri sciolti per mafia.
    -Se posso chiudere con una battua; quanti libri pensa di scrivere e presentare nel caso diventasse Sindaco.

  2. Calogero Taverna Rispondi

    5 aprile 2014 a 22:34

    Se Enzo Sardo brucia per l’ennesima volta le sue tappe, annunzio che invece per la prima volta e dopo tanti pensamenti e ripensamenti mi hanno tolto la scomunica di Malgrado Tutto; si è convento che non sono un “guastatore” e hanno detto sì a questo mio matrimonio politico con lui il grande unico vero candidato del PD e consoci, l’avvocato EMILIO MESSANA. Con la mia entrata in squadra appare chiaro che un “guastatore” come me non consente inciuci. Chi viene con noi non può condizionare alcunché. Giuridicamente sarà sempre l’avvocato Emilio Messana l’autorità apicale incondizionabile e sarà il programma che ho tante volte abbozzato a dare la direttrice. La tabella di marcia dipende da cause esogene. In politica è così, in democrazia, peggio. Scenderò ora sull’agone politico a sostegno della scelta epocale per Racalmuto di Emilio Messana. Lotterò contro chi oserà contrapporsi. E’ mio parente? peggio per lui. Uomo avvisato è mezzo salvato. Chi glielo fa fare? Si metta da canto. E sarò “guastatore” come piace ai cavallereschi di Malgrado Tutto, ma quanto a penna, lingua informazione sino alla ventesima generazione, inflessibilità, caustica stroncatura non credo di avere eguali. Cari Racalmutesi il 25 Maggio non deve essere un ritorno al passato, alla passata spartizione di posti, posticini, incarichi, incarichetti. Non c’è più trippa per gatti. Il 25 maggio si decide se Racalmuto può risorgere alla stregua di quanto è avvenuto varie volte, nell’Ottocento ad esempio con l’eldorado solfifero, nel novecento con il profluvio di rimesse degli emigranti su cui contò allora il Banco di Sicilia e il Nord per avere valuta pregiata per il suo gretto rilancio, o all’inizio di questo millennio con la cultura, la musica, la pittura, l’archeologia (anche se si deve lamentare che l’ottusa politica prefettizia bruciò sul nascere questa nostra primavera economica). Quelle primavera voglio che riprenda a Racalmuto e cercherò agli ordini di Emilio Messana di farla riemergere. I tanti piccoli truffatori di paese, i tanti succhia fondi pubblici conterranei, i tanti aspiranti alle prebende municipali che si dovessero frapporre li lotterò senza misericordia. Gli agenti delle tasse perché non tornano a rendere efficiente la propinqua agenzia tassaiola? I grandi medici non fanno meglio nelle loro cliniche anziché finire in pasto a certi loro supporter che non cercano di certo la maggior gloria del paese? certi già locupletanti impresari perché vogliono esporsi? Non sanno che in quel campo lì chi appare scompare?. Vogliono fare solo atto di presenza? Benvenuti allora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *