Eccoci in rete

|




L’approdo sul web era un obiettivo che perseguivamo da tempo. Finalmente lo abbiamo raggiunto. Sia chiaro, non lo consideriamo un traguardo ma un punto di paMalgrado Tuttortenza finalizzato a continuare il dialogo con i nostri lettori che va ininterrottamente avanti da più di trent’anni. Esattamente da quando, eravamo all’inizio degli anni ’80, tre giovani studenti liceali (Giancarlo Macaluso, Carmelo Arrostuto e Gaetano Savatteri) decisero di fondare a Racalmuto un giornale dalla testata un po’ strana, MALGRADO TUTTO appunto, che, nessuno lo avrebbe mai immaginato, con il tempo si sarebbe tradotto in una esaltante, emozionante e straordinaria avventura.
Il gusto per il confronto civile, la tolleranza per le idee degli altri, la fermezza morale, le battaglie per il rispetto delle regole e contro il malaffare sono sempre stati i punti cardini della nostra linea editoriale. Naturalmente, continueranno ad esserlo anche nella versione on line del nostro giornale.
Lo sappiamo bene, Racalmuto sta attraversando uno dei momenti più difficili della sua storia. Un momento in cui vigile deve essere l’attenzione di tutti e forte il contributo di idee per svoltare nella direzione giusta. Ma MALGRADO TUTTO non vuole occuparsi solo di Racalmuto. E’,infatti, nostra intenzione riservare il dovuto spazio anche ai problemi del territorio circostante. E per raggiungere questo obiettivo il vostro contributo, cari lettori, sarà fondamentale.

Sono tante le emergenze che affliggono il nostro Paese: mafia, corruzione, disoccupazione, povertà sempre più crescente, inadeguatezza della classe politica. Non si può in un momento così critico stare in silenzio. Anzi è necessario che le nostre e le vostre voci si levino con più vigore, sostenute dalla forza delle idee, dalla voglia di cambiamento, dal desiderio che in ogni angolo della nostra Italia entri finalmente quella nuova aria pulita di cui il Paese ha bisogno.
Le colonne del nostro giornale sono, quindi, aperte a quanti vorranno offrire il loro contributo per un confronto civile dove, sia ben chiaro, non troveranno mai posto commenti anonimi, insulti e qualsiasi espressione lesiva della dignità delle persone.

Egidio Terrana

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *