E per i ragazzi di “Comunicando” si spalancano le porte del Giornale di Sicilia

|




Visita delle classi quinte dell’Istituto comprensivo “Roncalli” di Grotte alla sede del più antico quotidiano della Sicilia

Con Giancarlo MacalusoRappresentano, forse, speriamo di no, l’ultima generazione di giornalisti in erba ad aver avuto il privilegio di visitare la più antica testata giornalistica siciliana. Stiamo parlando degli studenti delle classi quinte della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo Roncalli di Grotte, i circa sessanta teen agers muniti di carta e penna, ma anche di sofisticati ipads e smart phones, che venerdì scorso hanno aggiunto alle tappe finali del progetto “Comunicando” la prestigiosa visita al Giornale di Sicilia.

Un’esperienza unica nel genere, che ha saputo coniugare l’allegria della gita d’istruzione con la possibilità di vedere e sentire dove, come e quando nasce il quotidiano siciliano , realizzato da oltre centocinquanta anni, attraverso tecniche di elaborazione e stampa capaci di coniugare tradizione e innovazione tecnologica. Accolti e guidati da Giancarlo Con Angelo MeliMacaluso e Angelo Meli, gli studenti grottesi hanno ripercorso l’intero ciclo di lavorazione del giornale, osservando da vicino tecniche e strumenti di una professione che vive quasi sospesa tra presente e futuro, intrisa, oggi come nel passato, di colori, odori e rumori unici nel loro genere. Un privilegio ormai destinato a pochi la visita in redazione e soprattutto alla rotativa di stampa, struttura, quest’ultima, destinata in un futuro ormai prossimo a cedere definitivamente il passo alla diffusione capillare del quotidiano virtuale. Decine le domande che gli studenti hanno rivolto al dottor Meli, esperto cicerone, che con le sue dettagliate spiegazioni e particolari informazioni ha certamente impresso nei ricordi di ciascuno un post con su scritto: “Un’esperienza da non dimenticare”.

Valeria Iannuzzo

Docente


Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *