Diventa film la vita di Biagio Conte, il frate dei poveri di Palermo – FOTO ESCLUSIVE

|




Si gira a Palermo. Il regista Pasquale Scimeca porta al cinema la vita di Biagio Conte, il San Francesco che si è votato ai palermitani più poveri e ai migranti. Sul set Marcello Mazzarella, VincenzoAlbanese, Antonio Ciurca e Silvia Francese. In anteprima le foto esclusive dal set

Qualcuno ha detto che la sua vita sarebbe stata un soggetto perfetto per un film e Pasquale Scimeca ha raccolto l’invito. Il nuovo film del regista siciliano, infatti, racconta la vita di Biagio Conte, Fra Biagio, come tutti lo chiamano a Palermo. Il San Francesco del ventunesimo secolo, un uomo che ha scelto di dedicare la sua vita agli altri, all’umanità dolente, a chi vive ai margini della società.

Biagio Conte

Biagio Conte

Biagio nasce, nel 1963, da una buona famiglia palermitana. Amava la vita agiata, le belle ragazze, la discoteca, gli abiti firmati. Tutto normale, fin qui, per un ragazzo della sua età. Ma a 26 anni qualcosa nella sua testa cambia. Biagio comincia a vivere una crisi di coscienza che lo porterà ad abbandonare tutto quello che ha per andare alla ricerca della sua anima, di quello che lui considera la vera essenza della vita. Oggi Biagio ha costruito la mensa dei poveri più grande del Sud Italia, dove accoglie migranti, poveri, tossicodipendenti, ragazze sole in difficoltà.

Scimeca, regista siciliano sensibile e colto, è rimasto affascinato da questa storia, da quest’uomo che, in una società consumistica come la nostra, ha scelto un’altra strada, un modo diverso di vivere che lo rende felice. “L’anima dell’uomo moderno è scontenta perché  la natura è stata violentata e la spiritualità è stata relegata al mero livello di sussistenza. Qualche anno fa, ho conosciuto Biagio Conte. La sua vita è straordinaria, e merita di essere raccontata. Non voglio fare un documentario o una biografia agiografica, ma un film che vuole essere una ricerca nel profondo dell’anima, la sua, quella di Biagio, ma anche la mia di anima, che si è persa, che fatica a ritrovare la strada.” –  dice Scimeca.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E per farlo il regista è partito da Assisi, dove Biagio era arrivato nel suo lungo cammino a piedi, percorrendo a ritroso il viaggio del missionario. Cinque settimane di riprese che toccheranno molti luoghi d’Italia e si concluderanno a Palermo il 12 aprile dove ha sede la comunità di Fra Biagio. Per il ruolo principale Scimeca ha scelto un attore siciliano con cui ha già lavorato in molti altri suoi film: Marcello Mazzarella che aveva dato il volto a Placido Rizzotto nell’omonimo film. Accanto a lui vedremo Vincenzo Albanese, Antonio Ciurca e Silvia Francese.

Una nuova prova di regia per Scimeca che ha sempre avuto sensibilità per temi difficili e di grande rilievo civile, accostandosi alle questioni della mafia, dell’emigrazione o del lavoro minorile, con i suoi film precedenti come Placido Rizzotto, Rosso Malpelo, Convitto Falcone. Lavori che non lasciano mai indifferenti.

 

Altri articoli della stessa

6 Responses to Diventa film la vita di Biagio Conte, il frate dei poveri di Palermo – FOTO ESCLUSIVE

  1. Aldo Alfieri Rispondi

    3 maggio 2014 a 12:18

    Io l’ho conosciuto all’inizio del suo “cammino” e ho avuto la fortuna di ospitarlo nella mia casa …..nelle sue parole e opere c’è “Aria di Santità” vera e sincera. <3

  2. roberto Rispondi

    29 novembre 2014 a 16:42

    Oggi si preferisce sentire il continuo scandalo di una società perversa , ridotta allo sbando morale ma soprattutto spirituale con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti, i valori della famiglia sono stati devastati dalla perversione incondizionata del benessere , che pogia le basi sull’anticristo , perche tutto viene esposto alla ludica tentazione ed all’orgasmo collettivo dove le perversioni si fondano con le arroganze collettive , sminuendo così l’essenza ed il valore assoluto della vita stessa , fratello Biagio per fortuna incarna l’esatto opposto alla dissolutezza, Fratello Biagio ci pone davanti tutta la nostra miseria umana , ma nel contempo ci stimola a provvedere e soprattutto a rimediare alle nostre miserie attraverso il valore assoluto della Parola DI GESU’, in essa si fonde la ragione stessa dell’esperienza del vivere, in essa si ha la vera sensazione della gioia del vivere, anche nell’esasperazione del momento storico ,Biagio rappresenta il vero elisir dell’anima ,unico unguento per lenire le sofferenze che abbiamo costruito con il nostro egoismo e con le nostre arroganze, Biagio ci invita a rimediare eattraverso un vero cammino di pentimento e di ricerca verso il senso della vita. L’amore,l’accoglienza,la carità ,il rispetto ,la condivisione diventano per fratello Biagio la vera conseguenza alla nostra identità, attraverso l’esperienza del vero amore si ci può salvare, solo attraverso la condivisione ,l’accoglienza del fratello più debole, la carità in una solo parola AMORE si può sperare al vero cambiamento.

  3. Laura Francesca Rispondi

    10 maggio 2016 a 21:57

    Neanche immaginate l’emozione che provo a rivedere questo uomo. Si rivedere, lo conobbi nel lontano 1981/2 non ricordo bene. Prestava servizio militare nella mia città natale (Cosenza). Ero una ragazzina di 15 anni e co siamo conosciuti come si conoscevano ragazzi e ragazze a quel tempo. Ci siamo visti 3/4 volte e poi lui è partito x un’altra città lasciandomi il suo indirizzo di Palermo. Gli ho inviato qualche lettera e lui a me…. Ma come succede in questi casi di amori tra adolescenti si spezzò il contatto. Ora è diventato un uomo di Dio e devo dire che mi fa un certo effetto ma sono felice per lui. Mi piacerebbe tanto rivederlo e mai come ora che la mia anima ne ha tanto bisogno. Spero che un giorno potrò realizzare questo sogno. Ora vivo a Padova. Se qualcuno può aiutarmi sarei davvero grata. Baci

    • Redazione Rispondi

      14 maggio 2016 a 16:04

      Ecco i riferimenti della Missione speranza e carità di Palermo, fondata da Biagio Conte:
      Missione di Speranza e Carita Via Archirafi, 31- Palermo – 90123. Telefono: 091.61.61.887

    • Federica Drago Rispondi

      17 maggio 2016 a 23:23

      Sono stata una settimana in vacanza in Silicia e terra d’ origine, lo scorso Luglio, il 18 (San Federico) mentre ero in macchina con la mia famiglia abbiamo incrociato Biagio. Ho gridato c’è Cristo! Non L’ ho mai dimenticato! Ieri un amico su FB ha pubblicato una sua foto! Ora è in provincia di Cosenza- Tarsia Saracena- l’ho scoperto stanotte.

    • francesco Rispondi

      5 giugno 2016 a 21:28

      salve mi chiamo Francesco, vivo a Matera e vorrei testimoniare che lo scorso 2 giugno 2016 Frate Biagio si trovava a Matera e sta percorrendo L’italia a piedi con un altro frate missionario sino ad arrivare a Roma dal Papa . posso testimoniare che ho trascorso una giornata con lui di preghiera il giorno stesso incontrato tra le vie della città , mi ha colpito fortemente la sua opera e la sua dedizione a trasmettere il senso di carità , pace e speranza per tutti i bisognosi , ho avuto il piacere di assistere in serata la Santa messa in devozione alla Madonna della bruna. Vorrei ricordare alla Signora Laura Francesca dove dichiara nel messaggio del 10 maggio , che Frate Biagio adesso si trova in Puglia e sta attraversando tutta la Puglia , poi il Molise e sino ad arrivare per piu’ di un mese a ROMA . Salve volevo solo avvisare la signora laura che chiedeva di frate Biagio dove si trovasse . Per quanto mi riguarda sono rimasto colpito , emozionato e in realtà ho vissuto con lui un giorno di preghierea e di pace , speranza , e tanta tanta carità. un abbraccio saluti da francesco di matera .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *