Decreto Salva Imprese, Fontana: “Un suicidio mettersi di traverso”

|




Il deputato regionale del Ncd interviene dopo l’approvazione del provvedimento: “L’astensione segno di distensione”.

Vincenzo Fontana“Il gruppo del Ncd ieri all’Ars ha dimostrato senso di responsabilità in un momento di grave difficoltà della politica regionale, l’astensione è stato un segno di distensione nei confronti del Governo, per un provvedimento che comunque avrà una ricaduta positiva per la nostra regione”.

E quanto afferma in una nota il deputato regionale del Ncd Vincenzo Fontana, che aggiunge: ” Mettersi di traverso e rischiare di buttare in un vortice le imprese siciliane sarebbe stato un suicidio. Il maxi prestito dello Stato e il mutuo acceso per un miliardo daranno linfa alle imprese che hanno crediti soprattutto con le Asp, gli enti locali e la regione e si rimetteranno in moto e potranno continuare a fare investimenti, questo in un momento congiunturale non è poca cosa.

E’ chiaro che la situazione del bilancio regionale non è delle migliori, a questa boccata d’ossigeno delle imprese  si aggiungerà il ricavo della relativa iva che le imprese dovranno versare nelle casse della Regione siciliana e si tratta di diversi milioni di euro che potranno ulteriormente essere utilizzate dalla regione siciliana per sostenere il precariato o per garantire i livelli occupazionali nei vari settori.

Il provvedimento dà un primo segnale a un rifiorire della ripresa economica delle imprese e con la movimentazione di denaro che ne comporta è un punto di ripresa per le attività produttive e l’indotto. La Regione peraltro con queste risorse si è impegnata-conclude Fontana- a saldare il debito di  circa sedici milioni di euro che  ha nei confronti degli atenei siciliani per i medici in formazione”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *