Colpi di cannone e rullo di tamburi, la festa pronta a “sbampare”

|




Racalmuto, entrano nel vivo  i festeggiamenti in onore della Madonna del Monte. La presa della bandiera dei borgesi e le “prummisioni” i momenti più  attesi. Fino a mercoledì gli eventi collaterali.

Prummisioni a cavallo

Con i ventuno colpi di cannone e il rullo dei tamburi si aprono domani a Racalmuto i festeggimenti in onore della Madonna del Monte. Una festa molto attesa dai racalmutesi, anche da coloro che arrivano da ogni parte del mondo, organizzata dal Comitato, presieduto dal rettore del santuario Don Luigi Mattina con un significativo impegno dell’amministrazione comunale. Da un paio d’anni a questa parte, infatti, sindaco e assessori sono impegnati in prima persona, assieme agli impiegati comunali, per la buona riuscita della festa che vede anche il coinvolgimento di associazioni come la Pro loco, dei Burgisi e altre.

Sbampa’ la festa” il brand utilizzato anche quest’anno dall’amministrazione comunale – iniziativa prettamente turistica inaugurata nel 2014 – per il fitto programma.

La presa del Cilio

Fiesta rossa, urlante grappolo di gioia la definì Leonardo Sciascia nel raccontare i momenti salienti della festa di Regalpetra.

Domani, dunque, l’inizio della kermesse con il corteo storico dei personaggi del Cinquecento protagonisti della leggenda che vuole l’arrivo miracoloso della statua di marmo bianco a Racalmuto. Accanto ai personaggi della saga, in corteo, i bambini della scuola “Roncalli” della vicina Grotte. Il carro trainato dai buoi con il Simulacro della Madonna, a partire dalle 20:30, farà il giro del paese fino alla rinnovata piazza Francesco Crispi dove sarà rievocato il dramma sacro sul palco con Eugenio Gioeni e il conte Del Carretto in scena con la “Vinuta di la Madonna di lu Munti“.

Sabato, 7 luglio, è il giorno dei “Cilii”, con le processioni dei tre ceri – quello dei Cicirara, degli Ugliara e dei Burgisi. Lo spettacolo tanto atteso della presa della bandiera del cero, che avviene nel cuore della piazza intorno alle 22:00, rimane uno dei momenti tradizionali di questa festa siciliana che s’infuoca ne, miscuglio di fede e passione, sacro e profano. Intorno alle 23 concerto lirico-sinfonico in piazza Crispi della banda “G.Verdi”. Dopo la mezzanotte, intorno all’una, fuochi d’artificio in piazza Barona.

Prummisioni durante la festa del Monte

Le belle luminarie anche quest’anno fanno da corredo alla Festa del Monte, così come le iniziative collaterali organizzate in collaborazione del Comune e delle associazioni, come le mostre di artisti del territorio organizzate al Castello Chiaramontano e nel foyer del teatro comunale o come la mostra fotografica di Angelo Pitrone al Circolo Unione dedicata ai luoghi degli scrittori nell’agrigentino.

La musica della banda cittadina e il rullo dei tamburi del gruppo “Maria SS. del Monte” rendono la festa viva e palpitante per tutti i tre giorni in quest’anno particolare per la festa poiché ricorre l’ottantesimo anniversario dell’incoronazione della Madonna del Monte Regina di Racalmuto.

E anche domenica, 8 luglio, con le prummisioni a cavallo lungo la scalinata che raggiunge il santuario a partire dalle ore 10. Anche questo uno dei momenti più attesi. Fino a mezzogiorno, quando poi inizia la celebrazione eucaristica in santuario, in attesa dei giochi pirotecnici e della tradizionale maschiata.

La sera della domenica in processione il “Carro trionfale” con partenza dal Caliato intorno alle 21. Fino a giungere in piazza Crispi dove sarà celebrata la messa all’aperto. I fuochi notturni concludono la festa del Monte 2018. Nei giorni a seguire si svolgeranno in piazza Crispi spettacoli di musica e canto. Lunedì 9 luglio alle 21, concerto “Full Immersion in Music” con i ragazzi di “Arte Canto” di Cecilia Capitano e premiazione cei vincitori del torneo FIT 4^ categoria “Città di Racalmuto”.

Martedì, nell’aula consiliare del Municipio, alle ore 18:30, sarà presentato il libro “Rahal… agli occhi di un bambino” di Lorella Farrauto e mercoledì, sempre in piazza Crispi, concerto della scuola di canto “Venus” di Anita Palumbo. Nel corso della serata saranno presentate, inoltre, le fotografie selezionate del concorso “Uno scatto per Racalmuto” che saranno utilizzate dal Comune per migliorare il decoro del paese.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *