Cimino: “L’articolo 36 dello Statuto va abrogato”

|




Michele Cimino

Michele Cimino

Le imposte che le aziende pagano vanno versate nel bilancio della nostra Regione

Il deputato regionale di Voce Siciliana rilancia ancora una volta la proposta di abrogare l’articolo 36 dello Statuto .“ Il referendum sull’indipendenza del Veneto svolto la  scorsa settimana-afferma Cimino- ha prodotto un dato che i SICILIANI dovrebbero valutare con
attenzione. Sarebbero favorevoli  2 milioni  e 102 mila persone, ben oltre la  metà’ degli elettori della regione.  Forse, è’ proprio arrivato il momento che  la Regione Siciliana faccia rispettare le proprie prerogative. Per questi motivi ogni 15 giorni invierò’ una lettera ai  deputati e senatori eletti in  Sicilia per abrogare l’articolo 36 dello Statuto e fare in modo che le imposte  di produzione delle aziende che operano in Sicilia non vengano versate nel  bilancio dello Stato ma in quello della nostra Regione” .

Altri articoli della stessa

One Response to Cimino: “L’articolo 36 dello Statuto va abrogato”

  1. Nino Vassallo Rispondi

    26 marzo 2014 a 16:34

    Sciocchezze! E’ da 68 anni che si parla di come deve essere o non deve essere applicato lo statuto. Lo statuto è stato una truffa ai danni del popolo siciliano. E’ servito solo per creare carrozzoni clientelari, sottosviluppo e ad ingrassare politici e “prenditori”. Se si vuole che le imprese investano in Sicilia e che i tributi restino nell’isola l’unica strada è uscire dallo stato italiano e dall’euro. Ma la precondizione è che tutti gli attuali politici siciliani vadano a casa e restituiscano il maltolto. AnTuDo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *