“Ciao Vincenzo, che suonavi da dio lo immaginavo, ma tu esageri sempre”

|




La commovente lettera su facebook di un collega di Vincenzo Licata, l’autotrasportatore originario di Grotte vittima del crollo del Ponte Morandi a Genova. Licata è sempre stato un ottimo musicista, suonava infatti diversi strumenti, tra i quali il clarino e la fisarmonica. “Probabilmente su dal tuo amico, avevano bisogno di un cherubino da sostituire o ampliare l’orchestra”.

Vincenzo Licata

A scriverla sulla sua pagina facebook è Beppe Poldo Sciandra, collega è amico di Vincenzo Licata, l’autotrasportatore originario di Grotte tra le vittime, la vigilia di ferragosto, del crollo del Ponte Morandi a Genova.

Una lettera molto commovente che esalta, tra le altre, le doti musicali di Vincenzo Licata, che sin da piccolo suonava il clarino, la fisarmonica e tanti altri strumenti. Passione che non lo ha mai abbandonato anche da grande.

La lettera

Ciao Vincenzo, Lunedì volevo sentirti e sparare 4 cazzate come al solito, ma poi si sono accavallati eventi e mi sono scordato. E si, mi sono scordato come al solito, lo sai che sono fatto così, con la testa tra le nuvole, e già le nuvole.

Vorrei stringerti ancora la mano, darti un aiuto con la centina, e sentirti raccontare ancora del Marocco.

E si mi piacerebbe, ma qualcuno ti ha cercato per un trasporto speciale. Se solo non fossi stato ligio al lavoro ieri mattina, se ti fossi fermato a prendere un caffè da quel baretto che ti ho raccomandato. Già, è vero, tu sei sposato, con una famiglia fantastica, me lo scordo sempre, scusa.

E già, un maledetto contrattempo, UNO, uno qualsiasi cazzo, succedono sempre quando non servono, ieri era tutto troppo perfetto, il carico pronto, partito giusto. Partito in tempo, che strano.

Probabilmente su dal tuo amico, avevano bisogno di un cherubino da sostituire o ampliare l’orchestra.

Che suonavi da dio lo immaginavo già, ma tu esageri sempre.

Amico mio, aspettami, non correre e come al solito, ci facciamo poi 2 spaghi e porta la frutta…”.

I funerali di Vincenzo Licata saranno celebrati a Grotte mercoledì, 22 agosto. L’arrivo della salma è previsto in paese per le 16 e 45 all’ingresso del Viale della Vittoria. Funerali per Vincenzo, lunedì 20 agosto, anche a Vicenza, città dove si era trasferito da circa trent’anni e dove aveva messo su una ditta di autotrasporti.

Domani alla Fiera di Genova i funerali di tutte le vittime del tragico crollo del Ponte Morandi. La messa solenne sarà celebrata dal Cardinale Angelo Bagnasco, Arcivescovo di Genova.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *