Castrofilippo, tra cipolle e modellismo la stazione ferroviaria non muore mai

|




In questi giorni è possibile ammirarne una riproduzione fedele nella mostra di modellismo ferroviario allestita in occasione degli eventi estivi.

castrof 1

I castrofilippesi, non ci sono più dubbi, alla loro bella stazione ferroviaria, nonostante ormai sia chiusa e abbandonata, ci tengono e anche parecchio. Qualche settimana fa l’hanno fatta “rinascere” ricostruendola interamente con le cipolle, prodotto principe dell’agricoltura locale al quale nel mese di agosto viene anche dedicata una nota Sagra. Adesso la stazione torna a rivivere nella mostra di modellismo ferroviario che sarà visitabile fino a domenica prossima.

Una riproduzione fedele in scala 1/87 H0, frutto del lavoro certosino di tre appassionati di modellismo ferroviario che hanno dato vita al Gruppo modellisti canicattinesi GFC: Salvatore Vullo, Luigi Diego Lauretta e Adriano Lalomia. Sul tracciato che da Agrigento portava a Licata si muovono locomotive e convogli identici a quelli a dimensioni reali di cui ne riproducono fedelmente suoni e colori.

castrof 2

Un lungo e dettagliato circuito che fa perno sulla vecchia stazione ferroviaria di Castrofilippo è l’anima della prima mostra di fermodellismo ospitata a Castrofilippo nell’ambito delle manifestazioni estive.

castrof 3

Inaugurata l’8 agosto, l’esposizione sarà visitabile gratuitamente fino al 24, giorno in cui calerà il sipario sull’estate castrofilippese.

Vullo, Lauretta e Lalomia lavorano su questo progetto da più di due anni e mezzo e, finora, hanno ricreato nei minimi particolari una parte della tratta ferroviaria che da Agrigento portava a Licata, passando per Naro e Canicattì.

I tre canicattinesi hanno ricreato fedelmente non solo il tracciato ferroviario originale ma anche il paesaggio circostante dalle campagne ai fabbricati rurali, dagli agricoltori impegnati nella coltivazione dei campi ai pastori che pascolano le loro greggi, dai segnali stradali alle piante; si tratta nello specifico di otto moduli per un totale di nove metri di binari; tutti i particolari sono stati realizzati a mano e con grandissima cura.

La mostra permette di ammirare, ogni sera dalle 21,30 alle 23,30, anche numerosissime locomotive e convogli ferroviari – risalenti a diversi decenni fa – che percorrono i binari e riproducono fedelmente suoni e colori che caratterizzavano i mezzi di trasporto su rotaie.castrof 4

“Si tratta di una straordinaria e realistica riproduzione della vecchia stazione ferroviaria del nostro paese – sottolineano all’unisono Calogero Sferrazza, sindaco di Castrofilippo e Giuseppe Ippolito, assessore all’Arte, cultura e istruzione – a cui abbiamo subito pensato di affidare un ruolo di primo piano all’interno delle manifestazioni estive castrofilippesi. Ci preme evidenziare che questo evento è autofinanziato pertanto non ha neanche sfiorato le casse comunali – proseguono il sindaco Calogero Sferrazza e l’assessore Giuseppe Ippolito. Stiamo già pensando di rendere questa mostra di fermodellismo permanente e di impiantarla stabilmente in un locale di proprietà del Comune con l’intento di creare e ritagliare nuove fette di turismo”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *