Caso Cucchi, la rabbia di Roberto Saviano: “Una sentenza che non fa giustizia””

|




Roberto Saviano sulla sua pagina facebook commenta la sentenza di secondo grado che ha assolto, per insufficienza di prove, gli imputati della morte di Stefano Cucchi

Che rabbia. Rabbia per una sentenza che non fa giustizia. Rabbia per la famiglia di Stefano Cucchi che ricorrerà in Cassazione ma che probabilmente non saprà mai come si è svolta l’ultima settimana di Stefano in vita. Che rabbia per noi, che siamo foglie al vento, che ci sentiamo nudi e indifesi di fronte a tutto questo.cucchi-processo

Le sentenze si accettano, si devono accettare, ma si possono e si devono commentare. Insufficienza di prove, ecco perché gli imputati nel caso Cucchi sono stati assolti, tutti, in secondo grado. Stefano è stato arrestato in buona salute, o comunque nulla faceva pensare a una morte imminente, e dopo una settimana invece muore con il corpo martoriato dalle percosse, in stato di denutrizione e disidratazione. Eppure non è possibile individuare i colpevoli: per la legge quando c’è insufficienza di prove non c’è nessun colpevole.

Almeno la decenza di non gridare alla giustizia, perché giustizia non è stata fatta.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *