Caltanissetta, la Tbm affascina Giacobbo e Gregoretti

|




Il grande regista italiano e il conduttore televisivo visitano, assieme ad altri personaggi del mondo dello spettacolo, il cantiere della 640. “E’ questa la nuova Sicilia da raccontare” GUARDA LE FOTO

A destra, nella foto, il conduttore di Voyager nel cantiere della Tbm

A destra, nella foto, il conduttore di Voyager nel cantiere della Tbm

Il grande regista italiano Ugo Gregoretti, il conduttore di Voyager Roberto Giacobbo, le attrici Sarah Maestri, Adriana Tuzzeo e Annalisa Insardà, lo sceneggiatore Maurizio Gianotti, il musicologo Alberto Pinto e altre personalità del mondo del giornalismo, del teatro e della televisione hanno visitato stamattina i cantieri della strada statale 640. Una visita caratterizzata dalla particolarità dello scavo della galleria ritenuta tra le più grandi del sistema viario siciliano. Il tunnel, infatti, sarà scavato dalla mega talpa tecnicamente denominata TBM. La macchina, tra le più grandi del mondo, è lunga 115 metri e ha un diametro di 15 metri. Dei cantieri della Cmc di Ravenna, che cura i lavori di ammodernamento della strada statale 640 assieme alla Tecnis di Catania, è la seconda in Italia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli artisti, in città per la quarta edizione del Kalat Nissa Film Festival, hanno apprezzato il lavoro di squadra attorno ai cantieri. “E’ questa la Sicilia da raccontare”, ha commentato Ugo Gregoretti al quale è

il regista Ugo Gregoretti in cantiere

Il regista Ugo Gregoretti in cantiere

stata anche illustrata l’iniziativa turistico-culturale “La strada degli scrittori”: un percorso letterario che si snoda nei comuni attraversati dalla nuova 640 e nei luoghi raccontati da importanti autori siciliani. “Ne parlerò con Andrea Camilleri – ha aggiunto il regista – che vedrò la prossima settimana. Racconterò questa giornata e la vivacità di questo cantiere di casa sua”.

I responsabili dell’impresa “Empedocle2”, la società che cura i lavori di raddoppio della “Agrigento – Caltanissetta” commissionati da Anas, hanno illustrato il metodo di realizzazione della galleria: “La Tbm – ha detto l’ingegner Mario Liti della direzione tecnica dei lavori – a fine mese sarà in funzione e a breve inizierà lo scavo, dopo mesi di lavoro per il montaggio della macchina realizzata in Francia esclusivamente per la realizzazione di questa galleria”.

In cantiere, gli artisti ospiti  dell’associazione culturale “Laboratorio dei sogni” guidata da Fernando Barbieri, sono stati guidati dagli ingegneri Mario Liti Massimo Galea, Lanfranco Girardi della direzione tecnica e di cantiere, da Costanzo Di Gioia, responsabile dei lavori, Dario Tita, dell’ufficio Protocollo di legalità, Massimo Mariano, dell’Ufficio sicurezza, Orazio Zamballetti dell’ufficio del personale  e da Salvatore Picone, collaboratore dell’Ufficio Immagine e Comunicazione della cooperativa di Ravenna.

Altri articoli della stessa

2 Responses to Caltanissetta, la Tbm affascina Giacobbo e Gregoretti

  1. Dario Tita Rispondi

    11 maggio 2014 a 16:40

    Il nome corretto è Dario Tita e non Dario Dita … comunque grazie per la citazione 🙂 e per l’ottimo articolo.

    Buon lavoro!
    Dario A. Tita, CMC Ravenna

    Empedocle 2 s.c.p.a.
    Ufficio Protocollo di Legalità
    Referente di Cantiere

  2. gianni Rispondi

    9 febbraio 2015 a 17:27

    Mario Liti ha imparato a fare l’ingegnere? Mha sembra strano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *