Bonifica strade provinciali: rimossi amianto e altri rifiuti speciali

|




Prosegue l’attività del Gruppo Tutela Ambientale nelle strade del territorio agrigentino.

rimozione amiantoIl Gruppo Tutela Ambientale del Settore Territorio e Ambiente, diretto dall’Ing. Bernardo Barone, ha completato la prima fase delle operazioni di bonifica su alcune strade provinciali, e in particolare di alcune discariche abusive segnalate dagli agenti del Corpo Forestale e successivamente sequestrate dalla Magistratura. La bonifica ha riguardato la SP n. 33 Ribera-Seccagrande, all’altezza del Parco degli Aranci 2,  la Casa Albergo della Terza Età di Ribera e la SP di Contrada Fauma. Di rilievo, in particolare, la bonifica di un notevole quantitativo di amianto, il più pericoloso in assoluto dei rifiuti abbandonati, in tutto ben 5.850 kg di cui 4.250 sulla SP Fauma e 1.250 nella  Casa Albergo per Anziani, ridotta, in pratica, ad una vera e propria discarica di materiali vari, e per questo recintata e messa in sicurezza.

Sulla SP di Fauma sono stati rimossi anche 1.000 kg di pneumatici dismessi, 200 kg di materiale plastico e 280 kg di materiale legnoso. Notevole anche il quantitativo di inerti, ovvero rifiuti derivanti da attività di costruzione: più di 8.000 kg sulla SP 33 e nella Casa Albergo.

Altri materiali rimossi: pannelli in miscela bituminosa (1320 kg nella Casa Albergo), residui di potatura (1300 kg sulla SP 33), rifiuti vari conferiti in discarica (2280 kg sulla SP 33).

Ieri invece sono iniziati i lavori di bonifica nelle località Donna Fata e Cannatone, sulla SPC n. 72 Grotte-Milena, in territorio di Racalmuto. Si tratta, anche in questo caso, di discariche abusive segnalate dal Corpo Forestale e oggetto di provvedimento di dissequestro da parte dell’autorità giudiziaria.

I lavori, coordinati dal direttore di cantiere geom. Vincenzo Dainotto, sono eseguiti dagli operai  dell’impresa “Ecorecuperi” di San Cataldo, aggiudicataria dell’appalto per la  raccolta, trasporto e conferimento in discarica (o presso le ditte autorizzate al recupero) dei rifiuti.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *