Attenti al sudore e buona estate profumata a tutti

|




Ecco come possiamo “aiutare” le nostre ascelle a “comportarsi bene”. I rimedi e i consigli di Simona Carisi per evitare sgradevoli odori.

Evviva arriva l’estate! Purtroppo, a volte, anche il cattivo odore. Salire su un autobus, andare al supermercato, a scuola fra i banchi, in fila all’ufficio postale, al lavoro, se sudi sotto le ascelle non lavate accuratamente la mattina prima di uscire, è davvero un grosso problema di “salute pubblica”!

Sono molto critica nei confronti della inadeguata o addirittura totale trascuratezza o mancanza di pulizia delle ascelle. Se poi il proprio lavoro non è nel privato, ogni lavoratore, ritengo, debba essere messo nelle condizioni da parte dei colleghi, di condividere gli spazi comuni serenamente.

Il lavoratore, negli ambienti condivisi, deve avere il diritto di non soffrire mentre adempie al proprio compito a causa del cattivo odore da parte di chi trascura la propria igiene personale. Una buona igiene del proprio corpo vuol dire salute mentale e fisica per se stessi e per gli altri. Non trascurare l’igiene vuol dire, inoltre, preservare la propria salute da malattie, soprattutto a livello genitale. La capacità di secrezione della ghiandola sudoripara è sorprendente. Ogni ghiandola può infatti produrre quantità di sudore nettamente superiori rispetto il suo peso. Basti pensare che quando la tempertura sale notevolmente, ed è prevista un’estate molto calda quest’anno, un organismo può espellere fino a 4-6 litri di sudore ogni 60 minuti. Gli uomini hanno un metabolismo più attivo e sudano di più.

Ma sapete perché tanti odori  sgradevoli nel sudore? Perchè questo liquido contiene oltre l’ acqua, ammoniaca e varie sostanze ingerite, come farmaci e non, o altro contenuto presente negli alimenti. La sudorazione avviene per rialzo della temperatura, ma anche in risposta a determinati stati psichici, per esempio le emozioni, oppure per assunzione di farmaci, come gli antipiretici, gli anti-depressivi e alcune spezie. Si suda tanto anche in condizioni patologiche: diabete, ipertiroidismo, obesità. Ciò non toglie, che la pulizia accurata del cavo ascellare, è un dovere da parte nostra, anche in previsione di giornate molto lunghe da trascorrere in mezzo alla gente e quando soprattutto fa caldo.

L’odore ascellare insomma, ha una scala di tollerabilità, oltre la quale l’odore si trasforma in puzza. L’estate è alle porte, quindi non è controindicato utilizzare, non appena usciti dalla doccia, deodoranti a lunga durata ed indossare indumenti puliti meglio se in cotone o in fibre naturali. Oramai la vita frenetica non ci concede poco stress, per cui se rilassarsi risulta difficile, sarebbe bene lavarsi le ascelle più volte al giorno con acqua e sapone. Quando la sudorazione delle ascelle si fa particolarmente abbondante, un ottimo rimedio è quello di indossare gli assorbenti per le ascelle da attacare alle maglie.
Cosa non fare invece, alle ascelle che sudano? Sicuramente, non si deve applicare il deodorante sopra il sudore, perche ne scaturirebbe una puzza davvero insopportabile e certi odori possono far star male gli individui a contatto fino alla nausea, al vomito e alle donne in gravidanza causare un vero e proprio malessere fisico.

Studi particolari sui cibi che possano migliorare la sudorazione in termini di odore, non ce ne stanno, ma sicuramente una dieta sana, equilibrata, povera di grassi e ricca di verdure, agevola tantissimo chi suda parecchio. I cibi da evitare invece si conoscono: cipolle e… il sudore “cipollato” lo conosciamo un pò tutti, l’ aglio, il pesce, gli  asparagi, il curry e  la paprica.

Un rimedio naturale contro il sudore è il pomodoro: versare una tazza di succo di pomodoro nell’acqua della vasca…immergersi per 15 minuti, risciacquarsi e lavarsi con il bagno schiuma normalente. Oppure bere tisane scaccia-ansie come valeriana, melissa. Se l’iperidrosi dovesse superare le condizioni di cui sopra, è bene consultare il medico che può a quel punto consigliare terapie adeguate per risolvere il problema. Anche per l’ascella si può utilizzare la tossina botulinica in concentrazioni infinitesimamente piccole: la sostanza utilizzata anche in medicina estetica per l’appianamento delle rughe del viso, blocca la secrezione sudoripara delle ghiandole esocrine ed apocrine per 4- 6 mesi.

Chi l’avrebbe mai detto? In realtà anche l’intervento chirurgico può essere preso in considerazione con l’asportazione delle ghiandole sudoripare, ma questo è un rimedio estremo riservato ai casi davvero patologici. Ed io aggiungerei:  per migliorare  il buon odore delle ascelle e anche l’estetica delle stesse,  soprattutto quando si indossano vestiti scollati o in estate al mare e mi riferisco alle donne tanto quanto agli uomini, effettuare una buona rasatura dei peli ascellari che aggravano l’odore del sudore e trattengono sporcizie d’ogni genere soprattutto se sono tanti, lunghi e ricci.

E allora buona estate profumata a noi tutti perchè: ” Antò…fa caldo” …non sia un piacere per pochi.

Foto da Internet.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *