Al “Malaspina” di Palermo le poesie in vernacolo di Lorenzo Peritore

|




L’iniziativa promossa nell’ambito di un progetto scolastico dell’Istituto Comprensivo “Giotto Cipolla”

Lorenzo PeritoreIl poeta licatese Lorenzo Peritore è stato tra i protagonisti di un incontro, che si è tenuto ieri presso l’Istituto Penitenziario Minorile Malaspina di Palermo, sul tema “La dieta per una corretta e sana alimentazione”. La conferenza per i ragazzi ospiti della Struttura Penitenziaria diretta dal Dott. Michelangelo Capitano, rientrava nell’ambito di un progetto scolastico dell’Istituto Comprensivo Giotto Cipolla di Palermo, diretto dalla canicattinese Dottoressa Rosa Cartella, già Dirigente della Scuola Giacomo Leopardi di Licata.

 

 

La parte riguardante i metodi e gli ingredienti per un corretto uso alimentare allo scopo di un maggiore riguardo nei confronti del nostro fisico e della nostra salute, è stata esposta ed illustrata egregiamente, con particolare attenzione ed interesse dei ragazzi e degli operatori della struttura, dalla Dietologa canicattinese Anna Carletta. Ad intrattenere invece i presenti con alcune delle sue poesie in vernacolo, è stato proprio Lorenzo Peritore. “Potere entrare in un penitenziario e intrattenere e confrontarsi con molti ragazzi ,che hanno sicuramente sbagliato qualcosa nel percorso della loro ancor breve vita, ma che si preparano e vengono amorevolmente seguiti dagli operatori ad affrontarne un’altra completamente nuova e diversa quando arriverà il momento di lasciarsi alle spalle la struttura carceraria, è stata una esperienza unica e straordinaria”. Ha commentato al termine dell’incontro Lorenzo Peritore. Il poeta licatese, pomeriggio di martedi nel pomeriggio , ha recitato i suoi componimenti in vernacolo al Corpo Docente della Scuola Giotto/Cipolla, con grande soddisfazione della Dirigente Rosa Cartella, che ha diretto con eccellenti risultati molti Istituti Scolastici siciliani dove ha avuto modo di valorizzare e le potenzialità e le capacità dei suoi conterranei agrigentini.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *