Agrigento, M5S: “Il poliambulatorio uno spettacolo vergognoso”

|




La denuncia del Meetup Grilli sullo stato di abbandono della struttura.

muro vecchio ospedaleIl M5S, Meetup Grilli di Agrigento, denuncia, in una nota, lo stato di abbandono del poliambulatorio di Agrigento, che ha sede presso l’ex ospedale civile della città dei Templi.

“Certamente anche voi, come noi-scrivono i gillini- concorderete sul fatto che l’ingresso di un poliambulatorio dovrebbe presentarsi pulito e sicuro. Siamo rimasti molto perplessi quindi vedendo che uno degli ingressi del poliambulatorio di Agrigento, che ha sede nell’ex ospedale civile,  si presenta all’esterno sporco e ha di fronte un altro ingresso abbandonato, distrutto e divenuto ricovero di immondizia di ogni genere. Davvero uno spettacolo vergognoso-afferma il M5S di Agrigento- per chi entra nell’ex ospedale passando per la porta centrale, incrociando aiuole abbandonate e vialetti trascurati e poi si trova dinanzi ad un ingresso accanto a cui fanno mostra di sè scatole piene di immondizia. Uno spettacolo nauseante.

E se non bastasse, la stradina che conduce a tale ingresso presenta un muro di contenimento che in alcuni tratti sta cedendo probabilmente per le infiltrazioni d’acqua. Qualche metro di mattoni è già venuto giù e altri minacciano pericolosamente di piombare addosso alle auto che numerose sostano da queste parti ed anche su sventurati passanti. Noi del Movimento Cinque Stelle Meetup Grilli di Agrigento vogliamo ricordare che di recente nell’ospedale agrigentino di contrada Consolida  sono stati sistemati porte, ritinteggiate panchine e passamani, ripuliti giardini, ed altro.vecchio ospedale

Tutto ciò  non appena è stata data notizia dell’arrivo di Rosario Crocetta per l’inaugurazione di una nuova Tac. Ci rivolgiamo quindi al governatore della Sicilia affinchè annunci (anche solo per scherzo) una visita al poliambulatorio, siamo certi-concludono i grillini- che finalmente aiole, strade, muretti, porte d’ingresso e tanto altro verrà ripulito e risistemato”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *