Agrigento, i cittadini di “Punto e a Capo” scrivono al Sindaco

|




Nella lettera, fatta pervenire anche al nostro giornale, chiedono al primo cittadino “spiegazioni su alcuni temi di attualità”

altQuesto il testo della lettera

I cittadini di Agrigento Punto e a Capo hanno recapitato all’Ufficio Protocollo del Comune una lettera per il Sindaco, per richiedere spiegazioni su alcuni temi di attualità agrigentina.
“Ci sembra che il regolamento delle spese e lavori in economia sia preso alla leggera.
Ricordiamo che tale regolamento autorizza i dirigenti a spese fino a 20.000 euro, con assegnazione diretta alle ditte.
Questi soldi sono raccolti con le tasse dei cittadini, costretti a tagliare tante spese nelle loro famiglie: via i dolci, via le vacanze, via il paio di scarpe nuove!

Nessun padre agrigentino si sarebbe sognato di noleggiare un albero di Natale, con la base sponsorizzata più grande dell’albero stesso, e pagarlo 3050 euro.
Eppure si cita l’articolo 11 del regolamento per approvare la spesa.
Tutti gli agrigentini hanno creduto che l’albero fosse stato pagato dallo sponsor, prima che qualche giorno fa spuntasse nell’albo pretorio la delibera della spesa. E’ datata 31/12 mentre l’albero è stato messo in sede 20 giorni prima: strano ma vero!
Forse è il caso di una seria spending review in comune.

Il regolamento per l’esecuzione degli scavi non è stato rispettato: lo urlano le buche sulla sede stradale. .
L’assessore competente ha riunito le ditte che hanno effettuato lavori di scavo negli ultimi tempi e ha fatto sapere che tutto sarà rimesso a posto.
Chi controllerà che ogni ditta metta in sicurezza il tratto di strada dove insisteva la voragine creata dal suo scavo?

Si rischia di fare confusione e di non ottenere niente, addirittura. Una soluzione poteva essere mettersi d’accordo con le ditte, che in questi anni hanno risparmiato tanti denari non rispettando il regolamento, e fare un unico lavoro sui tratti di strada distrutti dal continuo perforamento. Rischiamo, probabilmente, di trovarci con mille “pezze” sulla strada.
Il regolamento, adottato in comune, prevede penali, cauzioni, sopralluoghi, controlli, indennità di civico ristoro. E’ addirittura previsto un accantonamento di fondi per incentivare i controllori a fare il loro lavoro e per migliorare la viabilità comunale!

Nel regolamento c’è scritto che:
“la verifica positiva della regolare esecuzione dei lavori e dei relativi ripristini da parte del Serv. II – Viabilità – del Sett. VIII LL.PP. dovrà avvenire entro e non oltre mesi sei dalla comunicazione di avvenuta ultimazione dei lavori ;” allora perché il degrado?

Cosa impedirà il prosieguo di quell’andazzo che ha reso le nostre strade un groviera?
Ordini di servizio? Punizioni? Sanzioni per chi si è comportato infedelmente favorendo questo stato di cose?””

Queste e altre domande abbiamo inserite nella lettera per l’amministrazione. Aspettiamo fiduciosi delle risposte rassicuranti.

 I Cittadini di Agrigento Punto e a Capo

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *