Adile: “Alleato con Borsellino: perchè no?”

|




Lettera di Biagio Adile. Per le elezioni di Racalmuto, Adile non esclude l’ipotesi di un’alleanza con Carmelo Borsellino: “Ci siamo sentiti più volte. Credo che vogliamo le stesse cose per il paese”.

 In una lettera a Malgrado tutto, l’urologo Biagio Adile, candidato a sindaco di Racalmuto, parla delle voci su una sua alleanza con Carmelo Borsellino, imprenditore e commercialista, indicato da più parti come possibile candidato. Riportiamo la sua lettera.

Biagio Adile

Biagio Adile

Caro Direttore, alleanza Adile Borsellino: perchè no? Potrebbe essere una soluzione per questo paese martoriato; io e Carmelo abbiamo un unico obiettivo quello di salvare Racalmuto che ha bisogno di recuperare e di rivendicare nei modi e nelle forme istituzionali corrette, la difesa degli interessi di una Comunità che ha bisogno di riemergere per uno sviluppo civile, economico e culturale. Dalle poche telefonate che ci siamo fatti abbiamo capito che Racalmuto ha bisogno di avvicinare l’amministrazione comunale ai quartieri per la Programmazione degli interventi, investendo molto a favore della salute, famiglia, anziani, disabili e sport.

 

Sicuramente  io e Carmelo vogliamo una città dei diritti, quindi immaginiamo una Racalmuto dove finalmente le persone si sentano cittadini a tutti gli effetti e non ospiti indesiderati.

 

Trama comune  sono i principi di eguaglianza e laicità, perché un approccio laico della politica consentirebbe non soltanto di essere più giusti, ma anche di progredire in modo più veloce come nelle grandi città.

Purtroppo veniamo da anni in cui infiltrazione criminali nel tessuto economico e civile del paese hanno fatto crescere Racalmuto nella paura e nell’insicurezza. Sicuramente la prima cosa da fare è dare subito alla popolazione un segno di cambiamento che riporti il valore della legalità come elemento imprescindibile nel governo della città.

I candidati che dovranno far parte di questo gruppo dovranno aderire ad un codice di comportamento che li impegni ad un’azione politica di trasparenza, di lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata e a denunciare qualsiasi atto di intimidazione, minaccia e tentativo di corruzione rivolto loro durante il loro mandato, che tuteli l’immagine della coalizione e dei partiti coi quali sono stati eletti e delle istituzioni che rappresentano. Ai candidati e alle candidate ed agli eletti si chiederà di farsi carico della propria responsabilità politica.

Questo sarà sicuramente un tratto distintivo della lista elettorale. Secondo me e credo anche secondo Carmelo per ricostruire una buona identità culturale Racalmuto dovrebbe dare vita ad un progetto di città condivisa che proponga una nuova forma di conoscenza ed esperienza della memoria urbana mediante un sito interattivo con la mappatura di tutti i luoghi di significato storico e culturale individuando un luogo simbolico come per esempio il Castello Chiaramontano dove realizzare laboratori permanenti (fotografia, scrittura creativa, grafica) che dall’analisi del passato traggano spunti per produrre nel presente.

Valorizzare alcuni dei tanti luoghi pubblici in disuso come il Teatro e la Fondazione Sciascia istituendo progetti e residenze artistiche e creative, spazi e servizi condivisi dove artisti ed operatori culturali di diverse generazioni e provenienti da tutta Italia possano trovare occasioni di incontro, lavoro comune, organizzazione di progetti, costituendo la base di un sistema di scambi internazionali, creando rapporti privilegiati con altri paesi.

 

È necessario potenziare il ruolo e i mezzi in dotazione alle biblioteche civiche facendone veri e propri centri di vita culturale anche attraverso una estensione dell’apertura serale e nei week-end dando luogo a dei veri rifugi anti noia, spazi culturali e di aggregazione destinati a tutti. Marchio di qualità a tutti i produttori culturali, d’arte, agricoli e dell’artigianato. Organizzare a Racalmuto una Jam Session delle arti con una ricchissima scena artistica creativa cittadina, dove artisti, operatori, organizzazioni ed associazioni racalmutesi, coinvolgendo ospiti internazionali che potrebbero dare vita a settimane di performances.

Biagio Adile

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *